Tattoo Planet

info

Tel.

+39 089 894377

orari

lunedì 16:00~20:00

dal martedì al venerdì 10:00~13:00 e 16:00~20:00

Indirizzo

Via Cirillo, 6 // Mercato San Severino (Sa)

Lavori

Breve Mission

Il Tattoo Planet Studio nasce nel 1997 quando dopo aver terminato gli studi,decido di realizzare un mio sogno,quello di tatuare. Sono rimasto affascinato da quest' arte all'età di 14 anni quando quasi per sfida mi feci tatuare un piccolo lupo sul deltoide.All'epoca era difficile trovare uno studio tattoo non essendo così diffusi come ora.L'ambiente,le sensazioni provate e l'inclinazione al disegno,ha fatto si che la mia passione si tramutasse nel mio lavoro.Comprai la mia prima attrezzatura e capii che l'unico modo per imparare era farmi tatuare,ed iniziai la ricerca dei migliori tatuatori da cui farmi "dipingere" ed attingere la tecnica.Determinante fu parlare con un pioniere dell'arte del tattoo alla mia prima convention a Milano.La sua modestia mi illuminò,facendo crescere in me ancora di più la voglia di andare avanti per questa strada.Viaggi,esperienze,corsi hanno arricchito il mio bagaglio ma come in tutte le espressioni artistiche,è un bagaglio mai colmo…Da allora di tempo ne è passato,ma la passione,l'impegno e la voglia di migliorare è sempre la stessa. Professionalità ed igiene sono alla base del mio lavoro così come il mio motto da sempre…Altera il corpo ma non la mente!!!!!!

LUCA GARGIULO

tattoo
lavoro1

tattoo
lavoro2

tattoo
lavoro3

tattoo
lavoro4

tattoo
lavoro5

tattoo
lavoro6

tattoo
lavoro7

tattoo
lavoro8

tattoo
lavoro9

tattoo
lavoro10

tattoo
lavoro11

Servizi

TATTOO. color, black and grey, cover up, touch up.

PIERCING. usual, surface, microdermal, pocketing, genital.

ALTRO. I tatuaggi e i piercing sono eseguiti con materiale sterile monouso, colori anallergici e testati, relativi di scheda tecnica.

After Tattoo

COME TRATTARE UN TATUAGGIO APPENA FATTO

A tatuaggio eseguito, il tatuatore pulisce e sterilizza l'area interessata e quando necessario applica una benda o una pellicola protettiva.
Ti verranno probabilmente lasciate istruzioni riguardo a quanto spesso lavare il tatuaggio e ti verranno consigliati dei prodotti per l'aftercare.
Dal momento in cui ti lascerai alle spalle il tattoo-shop, la responsabilità della buona riuscita del tatuaggio sarà tutta nelle tue mani.

Durante le prime 2-4 ore dall'uscita dallo studio, NON RIMUOVERE la protezione. Aspetta di essere a casa o in un ambiente pulito e confortevole, assicurandoti di avere a disposizione un sapone antibatterico per lavare le mani. Dopo avere lavato le mani, rimuovi la benda e lava con delicatezza il tatuaggio usando le dita (pelle su pelle) con acqua tiepida e sapone neutro. Asciuga con carta assorbente o con un asciugamano pulito.

Lascia respirare per qualche minuto, poi lava nuovamente le mani ed applica uno strato leggero del tuo prodotto per l'aftercare massaggiando delicatamente.

NOTA BENE: Il rischio di contrarre infezioni è massimo durante le prime ore dall'esecuzione del tatuaggio.

Non bendare più il tatuaggio a meno che non ci sia una perdita importante di fluidi; un abito largo sarà sufficiente a proteggerlo. Nel caso tu debba frequentare ambienti particolarmente a rischio (pieni di polvere e sporcizia) usa una benda che protegga la pelle ma che la lasci respirare.

Prima di coricarti, lava nuovamente il tatuaggio seguendo le indicazioni descritte ed applica uno strato sottile di aftercare. Durante il periodo di guarigione sarà sufficiente eseguire il lavaggio del tatuaggio una volta al giorno ed applicare un sottile strato di aftercare 3 o 4 volte al giorno.

Finchè la pelle non sarà guarita, evitare piscine, mare e spiaggia, saune e pratica di sport acquatici.
Non esporre il tatuaggio al sole o a trattamenti abbronzanti.
I tempi medi di guarigione di un tatuaggio variano dai 10 ai 21 giorni.
L'uso di un buon prodotto di aftercare non solo previene infezioni ma anche irritazioni e bruciori e scongiura la formazione di croste che, se grattate via, potrebbero portare alla perdita di colore nelle aree del tatuaggio interessate.

CURA A LUNGO TERMINE DEL TATUAGGIO

Ricorda: quando guardiamo un tatuaggio, lo vediamo attraverso l'epidermide, lo strato più esterno della pelle. E' evidente quindi l'importanza di adottare i dovuti accorgimenti per fare in modo che questo strato di pelle guarisca nel migliore dei modi mantenendosi sano ed integro nel tempo. Se l'epidermide è provata e non adeguatamente trattata, l'aspetto del tatuaggio ne risentirà di rimando, apparendo sbiadito e poco luminoso.

A guarigione avvenuta dovrai preoccuparti di mantenere l'epidermide idratata e in salute (da evitare i detergenti aggressivi) e dovrai sempre proteggere il tatuaggio dal sole con adeguate creme protettive (il sole è il nemico numero uno dei tatuaggi).

TRATTAMENTO PIERCING DEL CORPO

Il processo di guarigione avviene essenzialmente in due fasi:
1. Tempo necessario al piercing per cessare di produrre secrezioni;
2. Tempo necessario al piercing per assestarsi e rinforzarsi.
La prima fase è ovviamente la più delicata: igiene e buon senso sono alla base di una guarigione veloce ed efficace. Seguendo con attenzione e coscienza i consigli indicati ridurrai al minimo i rischi di infezione.
Lavare la parte interessata dal piercing con SAPONE DISINFETTANTE, BETADINE SAPONE GERMICIDA, BERGAMON PRONTO o prodotti simili reperibili in farmacia.
1. Dal giorno successivo al piercing lavare due o tre volte al dì lasciando agire la schiuma del sapone disinfettante per almeno un paio di minuti, poi risciacquare ed eliminare tutta la schiuma. Asciugare la zona interessata con garze o fazzoletti di carta. Piccole perdite di sangue sono più che normali, specie nei primi giorni.

2. Avere cura di rimuovere perfettamente le crosticine (con l'aiuto di un cotton fioc) che si verranno a formare alle estremità del foro. Tali crosticine non sono segno di infezione, ma una normale perdita fisiologica di tessuto cicatriziale. Solo allora sarà possibile muovere il gioiello (dall'alto verso il basso e da sinistra a destra) senza rischiare una lesione del tessuto che si sta rigenerando.

3. Dopo la disinfezione, effettuare almeno una volta al giorno impacchi con acqua e sale possibilmente sterile (SOLUZIONE FISIOLOGICA, in farmacia): tale operazione ridurrà notevolmente il normale gonfiore del piercing e favorirà una cicatrizzazione più veloce.

4. Se indossate un gioiello con filettatura come bananine per ombelico, barre circolari o barre diritte, abbiate cura che la sua chiusura sia ben serrata: ciò sarà possibile ruotando le sfere in senso orario (naturalmente questa operazione dovrà essere fatta con MANI PULITE).

5. Evitate in ogni caso di subire urti, colpi e sfregamenti durante la fase di guarigione; da favorire la posizione supina durante il sonno. Evitate vestiti troppo stretti che sfregano sul piercing e materiali sintetici. Evitate l'esposizione a luoghi polverosi e bagni al mare per almeno tre settimane.

6. Le pomate cicatrizzanti o le creme antibiotiche non devono essere utilizzate per una cura quotidiana perché esse sono di norma a base grassa e non permetterebbero una opportuna ossigenazione del foro.

7. Solo in caso di arrossamento, infiammazione, infezione, e solo dopo aver consultato il medico, utilizzare una crema a base cortisonica (cortison chemicetina 2° grado oppure gentalyn beta). Questa dovrà essere applicata una volta al giorno per massimo 5 giorni in maniera adeguata su entrambe le estremità del foro. Non eccedete nell'uso perché potrebbe causare una scarsa ossigenazione del piercing. Fondamentale è comunque non rimuovere il gioiello perché ciò potrebbe causare la chiusura del condotto impedendo la fuoriuscita del pus, mantenendo l'infezione sotto pelle e favorendo la formazione di ascessi. I sintomi di infezione sono: gonfiore, dolore, arrossamento eccessivo, secrezione di pus.

8. Caratteristiche di una reazione allergica (rara ma pur possibile) sono: prurito, eruzioni cutanee, secrezioni chiare, dilatazione del piercing. In questi casi sostituire il gioiello con uno di calibro inferiore e di materiale differente (Ad esempio passare dall'acciaio di grado chirurgico al titanio).

9. Evitate assolutamente, nei piercing facciali, il contatto con capelli, veicolo di sporcizia e batteri.
PIERCING ORALI
Caratteristica dei piercing orali è un rigonfiamento notevole della parte trattata, in quanto mucose. Il gonfiore durerà per almeno cinque o sei giorni, ma per almeno due o tre settimane bisogna attenersi ad una cura costante e sistematica quale:

A – Effettuare tre volte al giorno sciacqui con collutorio post operazione a base di CLOREXIDINA 0,2%, (ad esempio CORSODYL): è importante non eccedere nell'uso perché potrebbe danneggiare il tessuto nuovo che si sta formando.

B – Il gonfiore si presenterà nella maggior parte dei casi dal giorno successivo al piercing; in caso di dolore eccessivo si potrà assumere un antinfiammatorio (Ampital, Oki ) la mattina a stomaco pieno e successivamente, se necessario, nel pomeriggio dopo sei / otto ore, sempre ovviamente dietro parere medico.

C – Durante questa fase é fondamentale evitare di mangiare e bere alimenti caldi fino a quando la lingua è gonfia, alimenti piccanti, bevande alcoliche, evitare il fumo: in caso di impossibilità di astensione utilizzare del collutorio subito dopo aver fumato però con una percentuale più bassa (cioè a base di Clorexidina 0,12). Il collutorio non deve essere utilizzato per più di 40 o 60 secondi. Evitate baci ed altre pratiche simili.

PRIMA DI OGNI OPERAZIONE DI PULIZIA DEL PIERCING LAVARE LE MANI CON SAPONE ANTIBATTERICO ED ACQUA CALDA
MAI TOCCARE IL PIERCING IN FASE DI GUARIGIONE CON MANI SPORCHE

Contatti

Email inviata con successo, grazie ;-).





Indirizzo e recapiti telefonici

Luca Gargiulo
Tattoo Planet
Via Cirillo, 6 84085
Mercato San Severino (Sa)
Italia
+39 089 89 43 77

Email

info@tattoo-planet.it
tattooplanet@virgilio.it

Media social

Facebook

Map